Tag

,

Lo chiamavano il “Robin  Hood del latte”. Peccato che dietro quel nome evocativo si nascondessero interessi ed imbrogli, che sono stati finalmente smascherati dalla Giustizia. E’ di ieri la notizia che Alessio Crippa, responsabile di una cooperativa di allevatori è stato condannato a cinque anni di reclusione per la truffa relativa alle quote latte. Insieme a Crippa sono stati condannati altri 15 allevatori del nord Italia che avevano truffatolo Stato per più di 100 milioni di euro.

Si conclude così uno dei più grossi imbrogli degli ultimi anni  ai danni dei  contribuenti italiani e degli allevatori onesti, con grave compromissione dell’immagine dell’Italia nell’ambito della Comunità Europea. Le migliaia di allevatori onesti, che in questi anni hanno visto pregiudicato il loro lavoro e la loro onestà devono ringraziare la scriteriata politica clientelare della lega nord, che, per squallidi giochi di convenienza politica ha, di fatto, alimentato questa delegittimazione delle regole. Ora a pagare saranno i disonesti ma rimane la grande colpa politica di un partito che attraverso un populismo spiccio e opportunista ha fatto la sua fortuna politica.

Non dimentichiamo al proposito che a Torino è stato condannato a tre anni e cinque mesi per truffa nell’ambito delle “quote latte” l’ex leghista Giovanni Robusti.

E noi… paghiamo.

Annunci